Diagrammi Nord, a che punto siamo

Il progetto Di.Agr.A.M.M.I. Nord, promosso da una partnership molto diversificata e capillare che si estende su otto regioni del nord Italia, realizza interventi di integrazione socio-lavorativa finalizzati alla prevenzione e al contrasto dello sfruttamento lavorativo e del caporalato in agricoltura.

Le attività sono in pieno svolgimento su tutto il territorio  e i partner stanno collaborando con l’obiettivo comune di sviluppare e potenziare operazioni di coordinamento ed accompagnamento costante dell’azione di governance a livello regionale e nazionale.

Ognuno di loro ha pianificato, gestito e coordinato azioni progettuali. Percorsi di potenziamento, intensa attività di rete, mappature territoriali rientrano tra gli interventi messi in atto. Nel trimestre aprile-giugno 2021, i partner di progetto hanno contribuito allo sviluppo e all’implementazione di una serie di workshop formativi e informativi tematici rivolti a specifici gruppi di stakeholder: operatori dei servizi per richiedenti asilo, sportelli migranti, rete antitratta, forze dell’ordine ed ispettori del lavoro e sindacalisti. 

Diversi  i punti di forza e i fattori di successo che hanno influito sull’esecuzione delle azioni. Una fitta rete di contatti, personali e/o aziendali, la conoscenza dei territori, dei target e delle nazionalità coinvolte sono elementi primari ed essenziali di cui molte delle cooperative sociali presenti dispongono. L’attivazione dei gruppi di lavoro regionali ed il continuo ed incessante confronto ha permesso di sviluppare una programmazione equilibrata delle attività in atto.

Rispetto alle previsioni, nella realizzazione delle attività si sono comunque registrati degli scostamenti. L’emergenza Covid19 ha reso meno fluida la costituzione e il posizionamento dei gruppi di lavoro in assenza di reti precostituite tra parti sociali e terzo settore. Nello specifico, difficoltà si sono riscontrare nella pianificazione del cronoprogramma e conseguentemente nella revisione della durata delle WP e delle Task di progetto. Nei primi mesi di implementazione progettuale è stato difficile mettere a rete, integrare, correlare i vari partner, diversificati tra loro per storia e struttura, sia a livello nazionale che regionale. Tuttavia, nell’ultimo trimestre ci sono stati forti miglioramenti frutto di una governance costantemente attenta e dialogica.

Riguardo le modalità di attivazione delle reti territoriali di collaborazione, in tutte le regioni ove opera il progetto sono previsti interventi specifici di costruzione di tavoli di lavoro integrati, Piani di Azione Locale con relativa forma di protocolli sullo sfruttamento lavorativo in agricoltura e formazione specifica per gli stakeholder con eventi formativi in ogni regione. In questa fase sono stati attivati rapporti informali con gli attori locali al fine di poter definire gli interventi da realizzare.

A supporto delle attività sono state ideate linee guida sull’outreach, progettati volantini in italiano ed in otto varianti linguistiche, realizzate brochure destinate alle aziende, disposte linee guida per la progettazione di laboratori di formazione linguistica, linee guida per laboratori di empowerment, linee guida sul bilancio delle competenze sulla formazione professionale. Ed è nell’ambito della formazione di primo livello che sono stati realizzati dieci seminari di formazione in modalità online ai quali hanno partecipato 318 stakeholder.

Il progetto Di.Agr.A.M.M.I. è una realtà nata per rappresentare un modello di dignità, di qualità e di sfida, realizzata mediante il protagonismo delle istituzioni, delle parti sociali ed economiche e del terzo settore nella prospettiva comune di riqualificare il mondo del lavoro e dar voce ai diritti di chi da anni è parte lesa di meccanismi di sfruttamento e abuso.

In foto: Attività delle Unità Mobili della Cooperativa sociale Parsec a Sezze (LT) nell’ambito del progetto Di.Agr.A.M.M.I. Nord

Questo articolo proviene da https://www.diagrammi.org/articoli/di-agr-a-m-m-i-nord-a-che-punto-siamo/