Inaugurata a Cassibile la Foresteria per i lavoratori stagionali stranieri

È stata inaugurata oggi a Cassibile, frazione di Siracusa, la prima foresteria attrezzata in Sicilia per i lavoratori stranieri regolari impiegati nella raccolta agricola stagionale. La struttura ospiterà sin da subito circa ottanta lavoratori.

All’inaugurazione hanno partecipato: Francesco Italia, Sindaco del Comune di Siracusa, Tatiana Esposito, Direttore Generale dell’Immigrazione e delle politiche di Integrazione del Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali, Michele Di Bari, Capo Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Ministero degli Interni e Antonio Scavone, Assessore alla Famiglia della Regione Siciliana.

Sono intervenuti, inoltre, Salvatore Lucio Ficarra, Direttore Generale ASP di Siracusa e Aldo Morrone, Direttore Scientifico I.F.O. S. Gallicano IRCCS.

La creazione e la gestione della foresteria di Cassibile è frutto di un lavoro sinergico e di una collaborazione interistituzionale tra Comune di Siracusa, Regione, Prefettura e associazioni datoriali.

Grazie ai fondi del Ministero dell’Interno, in particolare del PON Legalità, è stato realizzato il campo mentre i fondi del programma Su.Pr.Eme. Italia derivanti dalle risorse dell’assistenza emergenziale del FAMI messi a disposizione dalla DG Migration and Home Affairs della Commissione europea sostengono una serie di servizi essenziali all’interno degli spazi comuni.

Nell’ambito di Su.Pr.Eme. Italia la Regione Siciliana, attraverso un bando dell’Assessorato Famiglia – Ufficio Speciale Immigrazione, assicura un servizio di gestione della foresteria che prevede: la sorveglianza h 24 dell’insediamento; un’equipe di operatori sociali e mediatori interculturali per l’orientamento ai servizi e la presa in carico degli utenti del campo;  la pulizia quotidiana e la sanificazione del campo nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e delle norme di prevenzione del contagio da Covid-19; la distribuzione settimanale di kit individuali composti da asciugamani, lenzuola monouso e prodotti per l’igiene personale; la distribuzione serale di pasti adeguati. I servizi sono forniti dall’Ats composta dalla cooperativa sociale Passwork, Croce Rossa (Sezione di Siracusa) e da ALS-MCL (Associazione Lavoratori Stranieri), selezionata con apposita procedura pubblica.

È in corso di ultimazione, inoltre, la procedura per l’affidamento dei servizi di mobilità e sanità. L’obiettivo è quello di contrastare i fenomeni di caporalato anche attraverso un servizio di trasporto tramite van per facilitare la mobilità connessa al lavoro. Le unità mobili sanitarie permetteranno, invece, l’erogazione diretta di servizi sanitari e l’accompagnamento presso le strutture pubbliche del territorio.  

Gli interventi sono in continuità con quanto già realizzato a Cassibile tra maggio e luglio del 2020 quando, sempre nell’ambito di Su.Pr.Eme., è stato attivato un presidio sanitario di prevenzione del contagio da Covid-19 e di sostegno psicologico e legale per i lavoratori stranieri regolari.