Informativa emergenza coronavirus per i richiedenti protezione internazionale

Considerata la difficile situazione che in queste ultime settimane stiamo vivendo, in Italia e nel mondo, a causa del diffondersi del Coronavirus, il Governo ci sta invitando a rimanere a casa per limitare i contagi e per superare l’emergenza, cercando il più possibile di venire incontro alle esigenze della popolazione.

Proprio per tutelare tutti, le attività ed i negozi che non vendono o producono beni di prima necessità sono momentaneamente chiusi. Restano sospese le varie attività sportive e culturali, così come le aperture al pubblico degli uffici, col principale fine di evitare gli assembramenti.
A tal proposito, sta circolando una informativa per comunicare ai richiedenti protezione internazionale che si trovano in Italia quali misure sono state adottate per procedere comunque con le richieste.

Gli uffici immigrazione delle Questure sono momentaneamente chiusi al pubblico, ma se qualcuno deve presentare una richiesta di protezione internazionale, può comunque recarsi in Questura per avviare la procedura, la quale verrà registrata appena possibile.

Anche gli uffici delle Commissioni Territoriali sono momentaneamente chiusi al pubblico e quindi le interviste sospese, per cui bisogna attendere che si superi l’emergenza per essere convocati.
Chi attende l’esito dell’intervista già effettuata, riceverà la notifica quanto prima; nel caso in cui l’esito non fosse favorevole, c’è la possibilità, proprio come sempre, di presentare ricorso, però entro una scadenza più lontana che rispetta l’attuale blocco generale, anche se si può iniziare a chiedere l’avvio legale della procedura.

In ogni caso, per qualunque informazione, è possibile avere un contatto online con la Commissione Territoriale della Questura di riferimento.

Per quanto riguarda la Calabria, ricordiamo che gli indirizzi della sede di Crotone sono: rifugiati.crotone@pec.interno.it oppure rifugiati.crotone@interno.it.

Questo articolo proviene da https://calabria.integrazione.org/informativa-emergenza-coronavirus-per-i-richiedenti-protezione-internazionale/